Un passo per il futuro, un passo per i tuoi sogni

DPCM 8 marzo 2020
9 Marzo 2020
ISTITUTO LEONARDO è Partner School Les Nouvelles Esthétiques
11 Marzo 2020

Etica, serietà e passione sono i valori principali che caratterizzano la Fondazione Casa del Giovane a Castiglione delle Stiviere (Mn).

In continuità con le idee e i valori del suo fondatore, Don Mario Bottoglia, la scuola mantiene inalterata la sua passione educativa, garantendo ai ragazzi supporto e accompagnamento in una fase importante della loro crescita, aiutando giovani e adulti a realizzare i propri progetti di vita, rafforzando la motivazione alla professione per un consapevole inserimento nel mondo del lavoro.

Come nasce la vostra scuola?
La Fondazione Casa del Giovane è nata come associazione senza scopo di lucro nel 1954 ad opera di Don Mario Bottoglia. Nel 2002 diventa fondazione a carattere nazionale e viene accreditata presso la Regione Lombardia per i servizi di formazione e lavoro. L’offerta formativa è rivolta a diverse tipologie di utenti, dagli allievi in obbligo scolastico agli adulti disoccupati e inoccupati, nei settori della ristorazione (cucina, pasticceria e sala bar) e dei servizi alla persona (acconciatura ed estetica). Da oltre 60 anni la Casa del Giovane, con i suoi 13.900 diplomati, è un punto di riferimento per molte famiglie che hanno a cuore l’istruzione e la crescita dei propri figli in un clima di fiducia, collaborazione e dialogo. Nell’anno formativo 2019/2020 sono circa 700 gli allievi che frequentano i corsi.

Come è organizzato il piano formativo del corso per diventare estetista?
Il piano formativo del corso estetica è costituito da un triennio che consente di acquisire una qualifica professionale spendibile su tutto il territorio nazionale, cui segue un quarto anno per il conseguimento di un diploma tecnico valido ai fini dell’abilitazione professionale ai sensi della legge 1/90 che regola l’attività di estetista. Le competenze conferite si distinguono in competenze di base e tecnico-professionali. Appartengono all’area base discipline come italiano, matematica, inglese, informatica, storia/geografia, scienze, economia/diritto, mentre l’area tecnico-professionale trasmette tutti i contenuti legati alla pratica di laboratorio e alla teoria della professione quali anatomia, cosmetologia, dietologia e igiene e marketing. Il corso prevede anche una valida formazione sulla sicurezza come previsto dal decreto 81/2008. Si privilegia la didattica del compito reale attorno al quale ruotano tutte le materie. Il quarto anno è centrato sull’autoimprenditorialità con unità di apprendimento che mirano a dare conoscenze e abilità in merito all’apertura di un istituto di bellezza. Dal secondo anno il corso viene svolto in modalità alternanza scuola-lavoro che consente alle allieve di trascorrere quasi la metà del monte ore annuo presso selezionate aziende del territorio con lo scopo principale di consolidare e sviluppare le proprie competenze professionali, applicando a compiti e contesti organizzativi reali le abilità e le conoscenze apprese nel contesto scolastico. La scuola propone la partecipazione a manifestazioni e seminari di settore allo scopo di approfondire l’apprendimento dei processi di produzione cosmetica e lo studio delle ultime tecnologie. Tutte le aule sono attrezzate con lavagne multimediali e gli allievi vengono forniti di un kit didattico che comprende un dispositivo mobile di ultima generazione pronto all’uso con caricate tutte le applicazioni necessarie. La piattaforma online permette agli allievi di consultare i materiali, di eseguire esercitazioni e verifiche anche da casa. I laboratori, dotati delle ultime tecnologie presenti sul mercato, vengono organizzati e gestiti come veri e propri centri estetici che possono accogliere utenti dall’esterno.

Da chi è composto il vostro corpo docente?
Il corpo docente per l’attività di laboratorio è costituito da un gruppo di insegnanti qualificati e con esperienza pluriennale nel settore dell’estetica, specializzati anche nei più moderni trattamenti, per garantire alle allieve una preparazione adeguata e all’avanguardia. L’équipe si completa con biologi, psicologi, docenti di informatica, matematica, comunicazione, lingua straniera, esperti in materie economico legislative e marketing. Figura fondamentale è quella del tutor che sostiene e segue le allieve durante tutto il percorso formativo, curando i contatti con le famiglie e con le aziende.

Avete riscontrato buoni risultati con l’alternanza scuola-lavoro?
I risultati riscontrati al termine dell’esperienza di alternanza scuola-lavoro sono altamente confortanti. Le allieve esprimono sempre giudizi positivi in merito e per molte di loro l’esperienza non si conclude con il termine del periodo scolastico, ma continua in un rapporto di lavoro. Anche da parte delle aziende coinvolte si riscontra grande disponibilità all’accoglienza e alla formazione delle allieve. La cospicua quantità di ore trascorse in azienda consente di instaurare un reciproco rapporto di fiducia e collaborazione. Le allieve sono costantemente seguite dal tutor scolastico che, in sinergia con quello aziendale, provvede a definire il piano formativo, a monitorare l’intero percorso giungendo a una valutazione finale in termini di raggiungimento delle competenze.

Come supportate i vostri allievi nella ricerca di un’occupazione?
Presso il nostro Centro Professionale è attivo un ufficio per i servizi al lavoro che, oltre ad occuparsi delle persone disoccupate o in cerca di occupazione, accompagna gli allievi in uscita dal percorso formativo a trovare un’occupazione in linea con le loro aspettative. Ad oggi sono numerose le aziende che si rivolgono direttamente a noi per la ricerca di personale o per attivare contratti di lavoro di apprendistato di primo livello in base al decreto legislativo 81/2015, dando quindi la possibilità alle allieve del terzo e quarto anno di lavorare e al tempo stesso di conseguire un titolo di studio.

Avete nuovi progetti in vista?
L’intenzione è quella di allargare l’esperienza di alternanza scuola-lavoro anche agli allievi 15enni del primo anno e di dare ai 14enni che non possono svolgere il tirocinio sul territorio per questioni anagrafiche l’opportunità di sperimentare in “situazioni protette” il contesto organizzativo e produttivo di una vera azienda con commesse reali non simulate. Per quanto riguarda nello specifico il settore estetico, è stata attivata una partnership con un’azienda cosmetica che effettua ricerca e sviluppo di prodotti naturali di alta qualità formulati in base alle richieste dei nostri docenti di laboratorio.

Come pensate di sfruttare la partnership con “Les Nouvelles Esthétiques Italia”?
I servizi, gli articoli e i suggerimenti dei vostri esperti contribuiranno ad ampliare e a potenziare le conoscenze delle nostre allieve sul mondo dell’estetica. In questo settore che è in continua evoluzione la vostra rivista è uno strumento di aggiornamento professionale, non solo per gli allievi, ma anche per i nostri docenti.

www.fondazionecasadelgiovane.it

di Simona Lovati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *