LOADING

Type to search

LINDA TOSONI BEAUTY | Verolanuova (Brescia)

a cura di Luisa Beretta

A partire dalla sua formazione come ostetrica, Linda Tosoni ha abbracciato il mondo della bellezza e del benessere diventando estetista e specializzandosi in trattamenti dedicati al percorso nascita, dalla gravidanza al post partum. Scopriamo insieme la sua meravigliosa proposta…

Linda, come definiresti il tuo centro estetico?

Mi piace pensare che il mio istituto sia un luogo dove potersi dedicare del tempo e dove potere ricevere momenti di bellezza e di benessere, trovando soluzioni a problematiche in ambito estetico ma non solo.

Ci racconti come è organizzato il tuo istituto, hai un team e/o dei collaboratori che ti affiancano?

È fondamentale lavorare in team e quello con cui condivido il mio lavoro è sempre in crescita e in evoluzione, in particolare mi affiancano da ormai ventidue anni due collaboratrici molto brave: Rosa e Patrizia, grandi professioniste. Il centro estetico offre servizi prevalentemente a una clientela femminile, in particolare siamo specializzate per quanto riguarda la fasi del percorso nascita: dalla gravidanza al post partum.

Qual è stato il tuo percorso professionale e come è avvenuta la scelta di entrare nel mondo dell’estetica?

Durante il percorso formativo per la laurea in ostetricia, ho seguito numerosi corsi relativi al mondo della naturopatia, della medicina tradizionale cinese e dell’ayurveda. Soprattutto quelli rivolti al mondo femminile e alla loro applicazione nelle varie fasi della vita della donna. Sono sempre stata attratta dalle tecniche di cura in generale, soprattutto da quelle orientali che ho osservato, sperimentato e appreso direttamente sul posto, in India, Cina, Giappone, Birmania e Thailandia.

Ho così abbracciato la sapienza curativa nell’antica tradizione asiatica, senza però tralasciare l’aspetto scientifico delle varie metodiche. Il passaggio al mondo dell’estetica è arrivato in modo naturale, cercando di mettere in pratica una serie di proposte e servizi rivolti in particolare al “mondo donna”.

Parallelamente alla mia attività di ostetrica in sala parto ho così deciso di integrare i miei studi conseguendo la qualifica e la specializzazione in estetica. Nel 1999 ho aperto il mio primo istituto di bellezza con strutture, ambienti e proposte piuttosto standard, che si sono però modificati rapidamente conquistando la loro vera natura e il loro reale obiettivo: offrire trattamenti, servizi e cosmetici per le donne in gravidanza e per tutto il percorso nascita e maternità.

Sappiamo che hai ideato un metodo di lavoro specifico proprio per il benessere e la bellezza delle donne che stanno vivendo questa delicata fase. Siamo molto curiosi di conoscere meglio la tua proposta…

“I trattamenti estetici in gravidanza non si possono ricevere, e se sì solo in presenza di un certificato medico”. “I massaggi non si possono eseguire, o forse sì ma solo dopo il primo trimestre”. “I fanghi e le apparecchiature possono essere utilizzati? E quali cosmetici? Forse, nel dubbio, è meglio non fare nulla!”. Queste sono tutte frasi che spesso mi è capitato di leggere o ascoltare riguardo ai trattamenti estetici in gravidanza, dopo il parto o nella fase dell’allattamento. A volte ci si trova davanti a una grande confusione, imprecisione e purtroppo anche a un po’ di improvvisazione.

Il mio metodo Estetica in gravidanza è nato proprio per fornire alla donna nel suo percorso di mamma un insieme di trattamenti, metodiche ed esperienze uniche e adatte al suo stato, che anche se assolutamente fisiologico richiede attenzioni, conoscenze e competenze specifiche. Prevede trattamenti, modalità, ambienti e anche un linguaggio specifico e adatto. La donna in questa fase così particolare della vita non è più la cliente che si è sempre trattata, avrà bisogno di essere seguita con modalità ed esigenze nuove. Le manovre, la gestualità, i cosmetici devono cambiare. La fragilità e la nuova situazione del corpo richiedono attenzioni maggiori.

Qual è il percorso e quali i trattamenti estetici che proponi alle clienti in dolce attesa che decidono di affidarsi a te?

Il primo step necessario per la definizione di ciò di cui la donna ha bisogno si svolge attraverso una vera e propria consulenza: un colloquio in cui raccogliere una serie di informazioni relative alla persona, alla sua storia, all’attuale gravidanza, per definire con precisione il percorso e i trattamenti adatti.

Dedico personalmente a questa prima parte non meno di un’ora di tempo, senza la quale non sarei in grado di orientarmi sulla proposta corretta. I trattamenti proposti sono sempre misurati, adattati alla persona, alla settimana gestazionale, alle singole caratteristiche, agli inestetismi che possono essere di nuova comparsa o l’evoluzione di preesistenti.

Sono stati messi a punto protocolli che prevedono metodiche e tecniche all’insegna della bellezza, ma anche in grado di favorire esperienze sensoriali piacevoli e l’opportunità per la donna di potere raggiungere un livello di benessere, equilibrio e comunicazione con e per il proprio bimbo.

Una relazione interna che si instaura a partire da stimolazioni esterne, aspetti che si svolgono attraverso il con-tatto, il tocco, il calore, il comfort, i suoni, le vibrazioni, i colori, le luci e la musica.

Presto grande attenzione all’ambiente che deve essere confortevole e arricchito con cuscini, lettino e supporti sagomati. La cliente potrebbe avere difficoltà nei movimenti e quindi ci si deve mettere a disposizione per un aiuto fisico, è fondamentale essere sempre rispettose delle nuove forme, anche e soprattutto se molto ingombranti.

È importantissimo anche evitare la fretta: la donna in gravidanza deve prendersi tutto il tempo necessario e noi dobbiamo concederlo, ha bisogno di benessere e serenità.

Nel corpo femminile avvengono cambiamenti notevoli per le modificazioni ormonali, dalla posizione degli organi all’anatomia e alla fisiologia. Il corpo cambia e con lui la pelle, le unghie, i capelli, i liquidi, la melanina ed è evidente come possano comparire nuovi inestetismi o aggravarsi problematiche preesistenti come la pelle secca, la produzione di sebo in eccesso, le smagliature, la ritenzione liquida, le gambe pesanti o le macchie. Non ultima, è basilare la possibilità di aiutare con semplici accortezze per alleviare piccoli disturbi dovuti alle modificazioni posturali, delle forme e dei volumi, volte alla prevenzione di complicanze e al miglioramento dello stato di benessere.

Consigli anche prodotti specifici per l’uso domiciliare?

È fondamentale l’uso di prodotti le cui caratteristiche siano in grado di rispettare sia il corpo della mamma sia del bambino. Anche per il consiglio di un cosmetico, la regola generale per gli operatori e per i professionisti del mondo beauty deve essere “primo non nuocere”. La scelta o l’esclusione di alcuni ingredienti e l’attenta lettura dell’INCI di un cosmetico dovrebbero essere l’ABC di un’estetista, se ci si riferisce poi a una donna in dolce attesa… a maggior ragione!

Proprio per questo motivo, dopo numerose ricerche e tentativi, ho deciso di creare una linea di cosmetici che potesse garantire questi aspetti.

La linea porta il mio nome e, oltre al tipo di ingredienti presenti, la mia attenzione si è orientata anche alla loro qualità e provenienza. Mi occupo personalmente della scelta e dell’acquisto di alcuni burri e oli vegetali da inserire nelle formule cosmetiche.

Uno dei prodotti che sta ottenendo più successo è una crema-burro adatta per tutte quelle problematiche in cui la pelle ha bisogno di idratazione, nutrimento e maggiore elasticità: Mamybutter è un composto di preziosi ingredienti, tutti dermocompatibili assolutamente da provare.

Trova impiego sia come prodotto domiciliare sia in numerosi trattamenti professionali in cabina. Non contiene petrolati, parabeni, profumi e possiede una particolare azione vellutante sulla pelle.

È prevista una prosecuzione di questo prezioso servizio anche dopo il parto? Con quali modalità?

Tutto l’evento legato alla maternità riguarda il periodo che va dal concepimento fino al parto (endogestazione) e dalla nascita fino al nono mese di vita del bambino (esogestazione). Un periodo molto più lungo di quello che siamo abituati a considerare.

Da qui è facile comprendere come i servizi, le cure e gli aspetti da considerare rispetto alla donna nel post partum o nel puerperio debbano essere rivalutati e impostati nuovamente. La remise en forme è un aspetto molto richiesto dalle madri, che in questo nuovo ruolo non vogliono perdere l’occasione di essere belle. Andranno poi ideati trattamenti specifici in caso di allattamento, un evento molto delicato che comporta cambiamenti ormonali nel corpo della donna.

Condivi su: