Una scelta per crescere, insieme agli altri – APEO

APEO

Bianca Panieri è Specialista in Estetica Oncologica APEO dal 2017, ha un centro estetico a Roma e alle spalle una collaborazione con l’Ospedale Sandro Pertini grazie all’Associazione ANDOS. A breve affiancherà la collega Francesca Salzano presso il Policlinico Universitario Agostino Gemelli con l’Associazione Loto. All’interno dell’iniziativa APEO “Regala un sorriso alle donne in terapia”, che annualmente si ripete in occasione dell’8 marzo, ha partecipato a una giornata di sensibilizzazione sulle patologie oncologiche femminili, organizzata dall’Ospedale Regina Apostolorum. In questa intervista conosciamo meglio il suo percorso e i valori che la muovono nel mondo dell’estetica professionale… 

Bianca puoi raccontarci il tuo percorso professionale e come è nata l’esigenza di diventare una Specialista in Estetica Oncologica?

La mia storia come estetista nasce a Parma: mio padre ha sempre lavorato in Confartigianato per cui, quando ho maturato l’idea di diventare estetista, mi ha consigliato di frequentare FORMart, una scuola legata all’associazione che è assolutamente molto valida. Al termine degli studi, sono tornata a Roma e ho iniziato a lavorare nel settore, ma dentro di me avevo maturato anche l’esigenza di occuparmi del prossimo facendo del bene in qualche modo. Sempre mio padre mi ha fatto conoscere il percorso di formazione in Estetica Oncologica APEO: fin dal primo giorno è nato un amore spassionato per questo tipo di lavoro. 

Qual è stata la motivazione principale che ti ha spinto a scegliere proprio APEO rispetto ad altre proposte formative simili nel settore estetico? 

APEO ha una serietà e un impegno molto diverso da altre proposte presenti nel settore estetico, a partire proprio dal percorso formativo: è attualmente l’unico corso in Italia che fornisce una specializzazione certificata e riconosciuta, le ore di studio sono tantissime e i moduli formativi molto dettagliati. Inoltre, APEO sceglie anche i prodotti cosmetici per fare i trattamenti, che sono sempre assolutamente certificati, di comprovata efficacia, validati da Studi Clinici pubblicati su importanti riviste scientifiche… insomma, l’Associazione Professionale di Estetica Oncologica APEO mette molta serietà in quello che fa, la stessa che però richiede anche alle estetiste che frequentano il corso. 

APEO

Come sei riuscita a conciliare il lavoro quotidiano nel tuo centro estetico con queste importanti attività, che richiedono passione e impegno costante? 

Partendo dal presupposto che se una persona sceglie di fare questo percorso lo deve fare con un certo tipo di impegno, quasi come se fosse una missione, togliere del tempo al lavoro o al riposo per potere aiutare più persone possibili non mi pesa. Ho sempre fatto questo “sacrificio” in maniera piuttosto spontanea, anche prima di avere il centro estetico: nei miei ritagli di tempo ho sempre cercato di dedicare a queste persone il massimo di quello che potevo dare… il tempo si trova se si vuole! Adesso che ho il mio centro estetico, tutto avviene in modo naturale: per me questa è veramente una passione che condivido con i miei clienti. 

Con la tua prossima collaborazione presso il Policlinico Universitario Agostino Gemelli con l’Associazione Loto, quali sfide e opportunità nuove prevedi nel tuo percorso professionale?

Sicuramente prevedo l’opportunità di approfondire sempre più questo lavoro, che ogni giorno cambia a seconda delle esigenze della persona che ho davanti. Capitano sicuramente delle situazioni più semplici e altre estremamente complicate, quindi forse la sfida più grande sarà affrontare la diversità che posso incontrare e saper ponderare bene le scelte da fare per la personalizzazione di ogni trattamento… le opportunità invece sono convinta che si creeranno da sole! 

APEO

Come ti vedi professionalmente tra una decina d’anni e come invece ti immagini venga considerato il settore dell’estetica?

Premetto che sono già otto anni che faccio questo lavoro e le cose sono cambiate tantissimo: si è iniziato quasi non sapendo fare una ceretta e siamo arrivate oggi ad avere un impegno grande quanto l’estetica oncologica. L’augurio che faccio a me stessa è quello di crescere come professionista e mi auguro che cresca anche la mia attività, migliorando sempre di più. Spero che con il passare del tempo si possa prendere il settore estetico e le professioniste che ne fanno parte con maggiore serietà e rispetto, che si meritano. In questi anni l’interesse alla cura di se stessi e del proprio corpo è cambiato: le persone sono sempre più informate, c’è sempre più ricerca e spero che si prosegua in questa direzione di serietà e impegno costante, senza accontentarsi mai. 

Per maggiori informazioni: 

esteticaoncologica.org

Condivi su:

Scopri altri servizi di Les Nouvelles Esthétiques Italia

Segui la nostra pagina su Facebook

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai informazioni autorevoli e aggiornatissime sul mondo dell’estetica professionale.

Per te subito un BUONO SCONTO per abbonarti a Les Nouvelles Esthétiques Italia