LOADING

Type to search

IN CERCA DI BELLEZZA e BENESSERE | Editoriale del numero 368 Marzo|Aprile 2022 di Les Nouvelles Esthétiques Italia

Nonostante il mondo faccia di tutto per ostacolarci, con una tenacia e un ottimismo (quasi commoventi) siamo qui, ancora una volta, a raccontare la bellezza. Un argomento quotidiano per chi, come le estetiste, ne fa una ragione di vita e una missione professionale. La bellezza che riesce ad alleviare e sorprendere, con la sua potenza creativa e trasformativa; che ci fa stare meglio e si traduce in energia e felicità, perché il suo confine con il benessere è sempre più labile. E allora, su questo numero di “Les Nouvelles Esthétiques Italia”, parliamo di wellbeing: del fatto che stare bene con il corpo e con la mente fa sentire più belli, di rituali e prodotti adatti a ritrovare un equilibrio psicofisico mantenendo i benefici cosmetici e tanto altro ancora.

Ma non ci siamo fermati qui. Convinti che condividere e stare insieme sia il modo migliore di celebrare bellezza e benessere, non vediamo l’ora di farlo incontrandoci a Cosmoprof Worldwide Bologna, che finalmente, dopo due anni di attesa, si terrà a Bologna dal 29 aprile al 2 maggio e a cui abbiamo dedicato un ricco speciale all’interno del magazine. Vi aspetteremo al Padiglione 30 (Stand A-66) per scambiarci idee e sensazioni. Per provare a guardare il mondo, il mercato, il nostro settore in prima persona plurale, passando dall’io al noi. Per parlare insieme di bellezza, benessere e umanità restituendo valore all’etica e all’estetica “aumentate”, a quel che conta davvero: relazioni e lealtà. Per sentire e valorizzare il bello nel nostro lavoro quotidiano. Per respirare bellezza e riproporla in quello che facciamo, per crescere, evolvere, imparare e provare a diventare sempre più bravi. 

L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. (Italo Calvino)

• Luisa Beretta – Direttore Responsabile di Les Nouvelles Esthétiques Italia – luisa.beretta@lneitalia.it

 

Condivi su: